SOICAL-BOOKMARKING-MISTAKES

I Candidati e il Web: Primarie Parlamentari Pistoia 30 Dicembre 2012.

Il 30 Dicembre si torna a versare l’obolo e a scegliere i candidati al Parlamento in vista delle elezioni Politiche di fine Febbraio 2013.
Nella Provincia di Pistoia i candidati sono 5, 3 uomini e 2 donne.
Mi sono “divertito” a studiare come si sono mossi sul web.

In Ordine alfabetico la prima candidata è Caterina Bini.
Caterina Bini classe ’75 è consigliere Regionale.
Ha un sito web con Piattaforma WordPress. Le consiglio di aggiornarlo alla versione 3.5 visto che è ferma alla 3.4.2
Il Tema utilizzato è Aperio carino ma gli articoli adesso risultano illeggibili nella parte iniziale.

Il sito è abbastanza aggiornato ma la sezione agenda è vuota e in “campagna elettorale le sarebbe stato utile”.
Nel footer del suo sito si possono trovare i link ai suoi account facebook, twitter e YouTube.
Su Facebook e Twitter la candidata è molto attiva e risponde alle domande quando le vengono poste.
Il Canale YouTube è deserto. Anche se da un misterioso account denominato slavatrice è cominciato a girare un video di promozione della sua candidatura.
Slavatrice ha solo caricato 2 video, questo e uno su una recita teatrale su West side Story.

Il video della candidatura è abbastanza inguardabile sia nella parte del collage che nella registrazione della Bini seduta su una sedietta scrausa con un audio pessimo.
Oggi non c’è bisogno di mezzi eccelsi per fare un video decente e sarebbe stato il caso di puntare a qualcosa di guardabile.

Su Facebook comunque la candidata si muove molto bene con Profilo e Pagina-Politico.
In vista delle Primarie sono uscite le cartoline che contengono in pillole il suo pensiero politico su alcuni temi.
Le cartoline sono di un rosa shocking abbastanza inguardabile con delle foto in cui la povera Bini sembra molto spaventata.

Per non parlare della pseudo immagine di copertina che sta girando tra i suoi sostenitori, la candidata Giovane, Tenace e Vera dovrebbe evitare l’accostamento maglioncino-colore di capello e usare qualche font più accattivante.
Niente di irrecuperabile comunque.
Invia newsletter tramite meenews sempre utilizzando wordpress.
Nella newsletter c’è il link per cancellarsi dalla lista e per la visualizzazione come pagina web. Entrambe cose rare quando si parla di politica locale.

Passiamo al 2° in ordine alfabetico : Beatrice Chelli.
La Chelli classe ’57 è consigliere comunale a Montecatini e avvocato e spero che non mi denuncerà per questo post.
Si è iscritta a Facebook il 24 Dicembre (5 giorni fa) e ha cominciato a riempire la propria bacheca con foto di lei che fa gli auguri di buon natale (con 3 foto diverse), lei che incontra Tara Gandhi, lei che cita la Costituzione che tra le righe suggerirebbe di votarla, lei che cambia il tuo futuro e che ti incontra all’Hotel Croce di Malta.

Peggio di così difficilmente era possibile fare. Il “politico” che spunta su Facebook in campagna elettorale sta proprio male.
Anche perchè l’idea che l’utente si fa e che come uno appare, uno scompare.

Non ci sono altri riferimenti su Beatrice Chelli a parte un articolo su un periodico del Rotary che ci informa che è/è stata presidente del Rotary di Montecatini Terme.

Il 3° candidato è Edoardo Fanucci, classe’83, il più giovane.
Vicesindaco di Montecatini, vista la sua giovane età da lui ci si aspettano faville.
Il giovane in realtà si è riavvicinato a Facebook solo grazie alle Primarie tra Renzi e Bersani. Prima la sua bacheca appariva un pò fredda e distaccata. Pochi post e soprattutto botta e risposta assente, con domande lasciate nel vuoto.

In questi giorni la musica è diversa, con risposte corredate addirittura con il numero di cellulare e grande disponibilità ad incontri e dialoghi.
Incontri sul territorio molto numerosi purtroppo pubblicizzati con un’agenda un pò povera di informazioni basilari (tipo i luoghi di molte manifestazioni).

Si salva per l’immagine sul suo “volantino”.
Il ragazzo ha molta strada da fare per il resto.

Arriviamo al 4° candidato Paolo Magnanensi classe ’53, il meno giovane.
Il Buon Paolo ha un profilo Facebook datato che magicamente ha ripreso vita in questi giorni di Primarie.
Il peggio però arriva quando scopriamo il suo profilo Twitter ed il suo blog appena nati proprio in questi giorni.
Il timore è che le migliaia di migliaia di bit occupate in questi giorni diventino l’ennesimo spazio web abbandonato.

Se qualche mese fa era già abbastanza oneroso gestire una pagina Facebook non sarà ancor peggio il triplice impegno?
E’ possibile evitare di salutare tutti i follower su Twitter con un commento personalizzato?
Grazie.

Dulcis in fundo arriva il 5° in rigoroso ordine alfabetico: Lido Scarpetti.
La sua carriera politica che lo ha visto prima ricoprire il ruolo di Senatore e poi quello di Deputato gli è valsa anche una pagina su Wikipedia.
Purtroppo però di quello che dice lui sul web non c’è traccia, nessun social network nè uno straccio di blog.
Peccato perchè avrebbe potuto spiegare ai suoi elettori per esempio i motivi per cui alcune volte ha votato contro il suo partito.

SOICAL-BOOKMARKING-MISTAKES

La speranza è che tutti e 5 i candidati si accorgano dell’importanza del web il prima possibile e adottino misure per rendere più trasparente possibile la Rappresentanza Politica nelle Istituzioni.
Per adesso c’è molto da migliorare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *